Classicvoice.com | Recensioni | Biografie | Discografie | Podcast | Notizie |
 
Home Shop
Prodotti xG
Abbonamenti Estero
Abbonamenti Italia
Classic Antiqua
Classic Ballet
Classic Gold
Classic Jazz
Classic Opera
Classic Premiere
Classic Voice
Libri
Raccolte
Rinnovi Italia
Speciali
Classic Store
Codici promozionali








Classic Voice 142
10.90 Euro

magazine +3cd
Nei 3 cd
I primi due dei 3 cd dedicati a Liszt allegati al numero di marzo, mostrano il volto sinfonico del compositore ungherese. Si inizia con i Filarmonici di Filadelfia diretti da Riccardo Muti nella Faust Symphonie. Nel secondo cd si passa ai poemi sinfonici: Les Prèludes (ancora Muti con gli stessi orchestrali), quindi - con il passaggio del testimone a Kurt Masur alla guida dell'Orchestra del Gewandhaus di Lipsia - Tasso Orpheus e Mazeppa; chiude il cd2 il valzer per orchestra Mephisto Waltz. Nel terzo cd, invece, si torna al più noto Liszt da tastiera con un Album Liszt tutto di rarità pianistiche. I poemi sinfonici, come del resto tutta la produzione orchestrale lisztiana, sono stati realizzati nel periodo trascorso a Weimar tra il febbraio del 1848 e l'agosto del 1861, quando il compositore era maestro di Cappella. Di questi e di altri anni salienti lisztiani si fa menzione anche nel dossier che pubblichiamo su Classic Voice.

Nel magazine
In occasione del bicentenario della nascita di Franz Liszt (22 ottobre 1811 - 31 luglio 1886) abbiamo collocato in copertina un posato ante litteram del compositore ungherese.Lo scatto fu fatto a Parigi nel marzo del 1886 dal pioniere della fotografia Nadar, pseudonimo con cui è conosciuto Gaspard-Félix Tournachon, che fu anche giornalista, caricaturista e aeronauta. Un sedicesimo del giornale è costituito dal Dossier Liszt. Che comincia dalle opere, da quei mondi sonori venati di suggetioni filosofico-letterarie che affascinarono e affascinano gli ascoltatori di ieri e di oggi. E che prosegue con gli scritti: Liszt amava la prosa, che qui riportiamo per le suggestioni espresse nel difendere amici compositori innovativi o nel descrivere il pubblico che acclama in modo "latino" alla Scala. Il dossier si conlcude infine con l'attualità di un Liszt sinfonico che noi proproniamo su cd e che l'Europa in quest'anno celebra. Gli altri argomenti di questo numero sono il regista cinematografico Ferzan Ozpetek, che debutta nell'Aida confessando di avventurarsi in un terreno nuovo dal quale è attratto più per i sentimenti che per gli effetti trionfalistici. Il direttore d'orchestra ospite di Classic Voice è invece Vladimir Jurovski, protagonista dell'apertura del Festival di Bologna affiancando Haydn, Mendelssohn e Brahms. L'inchiesta è dedicata al made in Italy orchestrale, che non smette di essere esportato nonostante la crisi. Gli eventi riguardano il 150° dell'Unità d'Italia celebrato musicalmente fra Nabucco, Vespri e un'opera di Mameli riesumata. Infine una curiosità sui plagi musicali, che per molti sono un fenomeno legato alla musica pop; e invece si tratta di merce d'antiquariato, se si pensa a Wagner che copiava da Liszt per la Valchiria. Nelle pagine iniziali e finali,come sempre le rubriche: attualità, eventi dal vivo, alla radio e in tv da non perdere, il cartellone e il palinsesto con gli appuntamenti di marzo, un viaggio musicale a Monte Carlo (con Schumann e Fauré in festival), le recensioni di cd, dvd, opere e concerti.
blog comments powered by Disqus

Cosa comprano altri clienti dopo aver visto questo prodotto?
username:
password:

Prodotti scelti

Ultime novità
I più richiesti



         
 
Prodotti xG
Abbonamenti Estero
Abbonamenti Italia
Classic Antiqua
Classic Ballet
Classic Gold
Classic Jazz
Classic Opera
Classic Premiere
Classic Voice
Libri
Raccolte
Rinnovi Italia
Speciali
Serve aiuto?
Aiuto
Contatti
Registrati
 
© 2017 xG Publishing srl - p.IVA 13060470153 - www.xgpublishing.it